IGiovedì

logo_mini
IGiovedì
Ciclo di Seminari tenuto dalla “IG”

igiovediASI-UNICAL ha organizzato un ciclo di Seminari su Sviluppo e Imprenditorialità tenuto, presso l’Università della Calabria, dalla IG S.p.A. Hanno relazionato il dott. Carlo Borgomeo (Amministratore Delegato di Sviluppo Italia S.p.A.), il dott. Paolo Di Nola (IG S.p.A.), il dott. Bruno Ferlito (IG S.p.A.) e il dott. Paolo Giacomelli (IG S.p.A.). Inoltre sono intervenuti, raccontandoci la loro esperienza, l’avv. Mottola della “Impremed” e l’ing. Viterbo della “Fontana della Salute”.L’IG S.P.A. è un’istituzione che si propone di “reclutare” giovani che hanno idee relativamente “interessanti”, ma ancora allo stato embrionale, e aiutarli, mostrando loro la via per poterle sviluppare in concreto, incentivandone la crescita e la maturazione, analizzandole nelle loro varie componenti. Quale migliore occasione di sondare il mercato, per scoprire le opportunità che esso ci offre, con la consapevolezza che solo cercando sempre nuovi stimoli, sia possibile essere in prima fila. I temi dei seminari sono stati:

    • Il “Mercato” dello Sviluppo [Giovedì 9 Marzo 2000] Relatore: dott. Paolo DI NOLA della IG S.p.A. Intervengono i signori “Imprenditori 44”: avv. Mottola della “Impremed”, ing. Viterbo della “Fontana della Salute”
      Programma:

      1. Breve presentazione del profilo aziendale della Società per l’Imprenditoria Giovanile; il “mercato” delle politiche di svilupppo in Italia; il posizionamento strategico di IG S.p.A. Sviluppo Italia S.p.A.
      2. Analisi del “portafoglio servizi” prodotto e gestito dalla IG S.p.A.: il programma 44/86; requisiti; modalità di accesso; funzioni della IG S.p.A., agevolazioni e coinvolgimento dei beneficiari; il programma 236/93; requisiti; modalità di accesso; funzioni della IG S.p.A., agevolazioni e coinvolgimento dei beneficiari; il programma 608/96; requisiti; modalità di accesso; funzioni della IG S.p.A., agevolazioni e coinvolgimento dei beneficiari (filmato); gli altri servizi per lo sviluppo.
      3. Testimonianza di casi imprenditoriali.
    • Creazione d’Impresa e Sviluppo Locale [Giovedì 30 Marzo 2000] Relatore: dott. Paolo GIACOMELLI della IG S.p.A.
      Programma:
      1. L’evoluzione della creazione d’impresa come strumento per lo sviluppo economico; dalle politiche per i grandi impianti industriali degli anni ’50 al self-employment. Le evoluzioni della cultura d’impresa in Italia e le evoluzioni degli strumenti della politica: le posizioni della retorica politica degli anni ’50-’70 sulla figura e sul ruolo dell’imprenditore e gli ostacoli culturali alla diffusione dell’imprenditorialità; l’epopea dei distretti industriali marshalliani ed il ruolo delle teorie distrettualistiche per la crescita del favore della micro impresa diffusa; la “moda” accademica e politica delle pmi; le politiche attive del lavoro e la nascita dell’intervento 44/86. Dalla politica industriale alle politiche per la piccola impreditorialità popolare; il “lavoro autonomo di seconda generazione”: la novità degli interventi per la creazione di attività di autoimpiego; la fine del primato della “pmi come motore di sviluppo”: la diversificazione della domanda di strumenti per lo sviluppo. Il problema della personalizzazione dei servizi per lo sviluppo.
      2. L’attività di valutazione dei progetti d’impresa e l’evoluzione delle politiche e delle teorie sullo sviluppo imprenditoriale. Gli sforzi d’adeguamento e innovazione: i pionieri della 44/86: l’innovazione culturale del Business Plan come strumento di pianificazione ed organizzazione di una piccola/micro impresa; dalla valutazione del “sistema impresa” alla valutaione degli skills del management team; dalla valutazione dell’economicità di un progetto di piccola impresa alla valutazione della sostenibilità di un’attività di “self-employment”: dalle analisi economico-finanziarie al bilancio delle competenze.
      3. Il finanziamento dei progetti: recenti orientamenti: L’esperienza del “banchiere dei poveri”.
    • Progettare l’Impresa [Mercoledì 19 Aprile 2000] Relatori: dott. Paolo DI NOLA della IG S.p.A., dott. Bruno FERLITO della IG S.p.A.
      Programma:
      1. La progettazione d’impresa. Criteri generali di progettazione: Funzioni del progetto; funzione analitico/conoscitiva; funzione pedagogica (imparare progettando); funzione motivazionale; funzione organizzativa; funzione di autovalutazione. La funzione di controllo. La funzione di programmazione e guida delle strategie; Criteri specifici della progettazione d’impresa. La Catena del Valore di Porter; Argomenti fondamentali del piano: la compagine sociale (competenze); il mercato; l’organizzazione; definizione ed analisi degli equilibri; Analisi del posizionamento concorrenziale dell’iniziativa: analisi dell’ASA; concorrenza diretta/indiretta; clienti/fornitori; ambiente.
      2. Criteri generali di project management. Dalla implementazione del programma alla gestione dei rischi.
      3. Criteri di valutazione delle strategie: la matrice Boston Consulting Group nel caso di una piccola impresa; quattro casi di studio: la mozzarella d’estate (prodotto cow); la telefonia mobile (prodotto star); i servizi di logistica e domicilizzazione (prodotto question mark); la pasta (prodotto dog); la matrice delle Alternative Strategiche nelle situazioni di start-up: strategie di offesa; strategie di ingresso; strategie di ingressi blindati; strategie non di ingresso. Due casi di studio: l’ingresso blindato (il caso “xx” nel comparto dell’abbigliamento psedotecnico, la blindatura del marchio forte), un non ingresso con “migrazione” strategica (la riconversione dall’edilizia tradizionale a quello dell’edilizia ad alta competitività: il caso “xx”).
    • Esercitazione di Progettazione d’Impresa [Giovedì 4 Maggio 2000] Conduce: dott. Bruno FERLITO della IG S.p.A.
      Programma:
      1. Esercitazione: planning di piccole imprese e definizione delle azioni di start-up. L’esercitazione viene svolta dall’aula divisa in gruppi composti da circa sei allievi.
      2. Commento dei piani d’impresa elaborati: analisi dei punti di forza e di debolezza delle scelte organizzative e di quelle strategiche mediante la matrice delle Alternative Strategiche.
  • Relazione Conclusiva [Giovedì 25 Maggio 2000] Relatore: dott. Carlo BORGOMEO, amministratore delegato di Sviluppo Italia S.p.A. Programma: Lezione conclusiva a cura dell’amministratore delegato di Sviluppo Italia S.p.A., dott. Carlo Borgomeo.