Workshop “Future Technologies”

lctampere
Workshop “Future Technologies”
(Tampere, 23 – 30 Agosto 2000)

Introduzione | Foto | Programma | Partecipanti ]

Workshop report
Un’indimenticabile settimana durante la quale abbiamo vissuto come veri studenti finlandesiMercoledì 23 Agosto: La giornata di arrivo dei partecipanti è trascorsa molto tranquillamente e si è conclusa con il party di benvenuto nella TEKKARISAUNA, locale tradizionalmente usato per i party dagli studenti della TUT (Tampere University of Technology), situato accanto all’Università, che è stato costruito con i contributi di varie aziende locali e la cui principale caratteristica è la sauna. Per chi non avesse mai avuto il piacere di provare una sauna finlandese: è una stanza molto calda, dove si può cantare, bere “qualche” drink, senza indossare alcun vestito e, soprattutto, è tipicamente finlandese quella “mista”!Giovedì 24 Agosto: La giornata è cominciata con la cerimonia di inaugurazione del Workshop, tenutasi presso la TUT. Siamo stati accolti dal Preside di Facoltà che ci ha parlato dell’ organizzazione universitaria e della “vita” degli studenti finlandesi: incredibile, lì non pagano tasse! Le università sono,infatti, finanziate dalle varie aziende presenti sul territorio (prima fra tutte la Nokia), con il preciso scopo di contribuire alla formazione professionale degli studenti e dell’assunzione dei neolaureati più meritevoli.
La giornata è continuata con la visita alla SONERA, azienda di portata internazionale che si occupa di telecomunicazioni e servizi, occupa 9000 persone ed ha un fatturato annuo di circa 2000 miliardi di euro. Qui alcuni esperti del settore hanno relazionato sul funzionamento della tv digitale, sulla connessione ad internet tramite tv e sui laboratori multimediali.
Abbiamo trascorso il resto del pomeriggio in uno dei tanti parchi dove ci siamo dilettati a giocare a minigolf, per poi trasferirci in un pub a praticare lo sport ufficiale degli EESTEC Exchanges… bere qualche birra… di troppo!!!

Venerdì 25 Agosto: Questa giornata, battezzata “telecomunicazioni e natura finlandese”, è stata la più significativa ed indimenticabile del Workshop.
La mattinata è stata dedicata alla visita della NOKIA; è superfluo spiegare di che azienda si tratti, mi soffermerò solo su qualche curiosità: opera e vende in circa 130 Paesi, nel 1999 ha fatturato di 19.800 miliardi di euro ed impiega circa 60.000 persone. Dopo il pranzo, consumato in azienda, ci siamo lasciati alle spalle tutto ciò che è tecnologia per visitare il Parco Nazionale Finlandese di SEITSEMINEN . Siamo stati ospitati in un caratteristico cottage su un lago in mezzo alla foresta che aveva la caratteristica di non possedere né acqua né elettricità… neanche bagni. Ci siamo dilettati prima giocando al “KYYKKA”, tipico gioco finlandese e poi con un ottimo barbecue in riva al lago. Quando è calato il sole abbiamo avuto l’impressione di essere avvolti dalla notte: le uniche luci erano quelle del falò e delle poche torce. Suggestivo è stato il giro in barca a remi sul lago… si vedeva solo la luna riflessa sull’acqua! Più tardi, arrivato il momento della sauna, gli animi si sono scaldati parecchio, probabilmente la nostra cultura non è in grado di capire ed apprezzare certe tradizioni, ma vi posso assicurare che, superata un po’ di timidezza iniziale, abbiamo accolto l’esperienza della sauna con entusiasmo. Era riscaldata con il metodo certamente più antico, la legna, ed eravamo illuminati solo dalla luce della luna che penetrava attraverso i vetri di una piccola finestra. Il rito si svolge così: dopo 10 minuti di sauna trascorsi a sorseggiare una birra fredda, si corre lungo il pontile che porta al lago e, corroborati da un veloce sorso di vodka, ci si tuffa nelle fredde acque del lago.
Finita la sauna, naturalmente, più che stanchi eravamo rilassati, quindi perché non fermarsi a bere qualche altra birra vicino al falò? Praticamente solo al sorgere del sole “i più resistenti”,tra i quali sicuramente i quattro italiani presenti, siamo andati a dormire! Dopo qualche ora di sonno ci siamo svegliati poiché era tempo di “ritornare alla civiltà”, ma prima di ciò abbiamo provato una nuova esperienza: ci siamo lavati con l’unica acqua disponibile, ovvero quella del lago!

Era la mattina del 26 Agosto, quando, dopo una folle notte, siamo risaliti sul pullman. Ritornati quindi a Tampere, due studenti finlandesi ci hanno presentato il Mobile Channel Network, confesso di non sapere di che tipo di azienda si tratti perché, dopo la trascorsa notte, non ero molto riposata ed in forma! La serata, dopo la cena in un ristorante dove abbiamo degustato il tipico piatto finlandese “PYTTIPANNU”, è proseguita con la visita di qualche pub.

Domenica 27 Agosto: anche in Finlandia si rispetta la tradizione secondo la quale la domenica si poltrisce fino a tardi, quindi, recuperato il sonno perduto, abbiamo fatto il tour della città accompagnati da una guida: tra i posti di spicco la torre di PYYNIKKI dalla quale abbiamo potuto ammirare l’intera città. Il resto del pomeriggio lo abbiamo trascorso in un grande parco di divertimenti tra montagne russe, delfinario, planetario e altri giochi.

Lunedì 28 Agosto: Tema della giornata : l’Energia ed, in particolare, le nuove tecniche per produrla. Proprio vicino a Pori abbiamo visitato la centrale di HYOTYTUULI OY nella quale si produce energia eolica grazie a modernissimi mulini a vento che vantano un sofisticato sistema anti-ghiaccio. Ci siamo quindi spostati fino a Rauma dove sorge la TVO (Centrale Nucleare di OLKILUOTO). Il nostro primo contatto con la Centrale è stata la mensa dipendenti, dove abbiamo pranzato e successivamente seguito un seminario nel quale si è parlato di come e quanta energia si produce, del suo impatto ambientale, delle norme di sicurezza vigenti ed, in proposito, abbiamo visitato il parco naturale, marino e botanico nel quale è immerso e appreso la tecnica di raffreddamento dei reattori con l’acqua del mare che, così riscaldata, consente la sopravvivenza di alcune specie di flora e fauna che, altrimenti, non potrebbero sopravvivere al rigido clima finlandese.
Ci tengo a precisare che, nonostante tutto, il mio giudizio sulle centrali nucleari non è favorevole, anzi, sono contenta di vivere in un paese denuclearizzato, ma mi rendo anche conto che la Finlandia non gode certo di un clima temperato come il nostro ed estendendosi solo ed esclusivamente in pianura non ha altre possibilità di produzione di energia.
Comunque, dopo averci presentato sotto queste “innocue vesti” la centrale, è arrivato il momento di entrare nella zona operativa, ma non senza averci prima fornito speciali giacche, scarpe ed elmetti ed un rilevatore di radiazioni. Abbiamo quindi visto i reattori, le vasche in cui vengono raffreddati e la cava nella quale è depositato l’uranio. Finita la visita, prima di uscire, sofisticati dispositivi, proprio come quelli che si vedono nei film di James Bond, hanno misurato la nostra “non contaminazione”.
In serata, ritornati a Tampere, abbiamo avuto l’onore di partecipare al primo party studentesco dell’anno accademico organizzato per festeggiare il primo giorno di università. Lì abbiamo conosciuto molti studenti, tra i quali alcuni italiani che, non li biasimo, hanno preferito proseguire gli studi in Finlandia.

Martedì 29 Agosto: E’ proprio vero che tutte le cose belle finiscono! In quest’ultimo giorno abbiamo seguito interessanti seminari presso l’Università riguardanti l’ elettronica. In particolare abbiamo visto alcuni speciali equipaggiamenti chiamati “Smart Clothing”, letteralmente ” vestiti intelligenti” tra i quali un abito progettato per i guidatori che lavorano in luoghi dove vi sono rigide condizioni ambientali, questi “vestiti” dispongono di diversi sensori che misurano, ad esempio, la temperatura del corpo e la velocità della terra. Non contenti di ciò, abbiamo visitato un prototipo di “Smart Living Room”: un monolocale completamente gestito da un computer attraverso il quale, anche a distanza, si può controllare temperatura, accendere e spegnere televisore e hi-fi, azionare la lavatrice o la lavastoviglie e persino la macchinetta del caffè! Nel pomeriggio ci siamo spostati nel Centro della Realtà Virtuale, sempre presso l’università e lì abbiamo visto e provato cinema e videogiochi davvero fuori dal comune. La giornata si è conclusa con il party di addio protrattosi fino a tarda notte e durante il quale abbiamo ballato, goduto di saune, mangiato e scherzato in compagnia di innumerevoli birre. La mattina dopo è stato tempo di ripartire, con gli occhi lucidi, ma con splendidi ricordi nel cuore!

Francesca Giardini
LC Cosenza